Una casa per me? O una casa per la mia solitudine?

Dopo la separazione da FS sono tornata a vivere dai miei. Leila dice “Non devi dire “separazione”, non eravate sposati. Vi siete lasciati” e lo dice con un tono che mi ferisce. Lei non vuole ferirmi, vuole dirmi la verità. Ma per me è una separazione. Per me andare a vivere con FS non era un tentativo prematrimoniale era semplicemente assecondare le contingenze: in quel momento non ci potevamo sposare quindi avremmo fatto le cose al contrario. Ne avevamo parlato, per me era molto seria la decisione di convivere, era come sposarlo, forse per questo è stato così dura la nostra separazione. Mi ricordo di avergli detto di pensarci bene perché per me era una Scelta a tutti gli effetti. E questo per me è stato come un divorzio, anzi peggio, perché nel divorzio, penso, uno ha provato tutto e getta la spugna. Per noi non c’è stata nemmeno quella dignità.

Ora però il periodo che ho passato a casa dei miei genitori mi sembra che sia stato sufficientemente lungo (tre mesi) e penso che sia il momento di fare qualche passetto fuori, anche se ho una paura terribile di andare a vivere da sola; io ho sempre condiviso appartamenti con altre persone: prima all’università e poi all’estero e poi con FS in Italia, e ovviamente una casa con la mia adorabile famiglia-ed adorabile non è ironico. La mia è una famiglia meravigliosa. FS a volte me lo rinfacciava quasi, dicendo che il mio modello familiare era troppo elevato, che ero cresciuta in una famiglia ideale e che non tutti sono così. E ne sono perfettamente consapevole. Ma quando uno immagina la sua famiglia non dovrebbe puntare in alto? – gli chiedevo. Io volevo solo una famiglia in cui tutti si preoccupassero l’uno dell’altro, presenti e attenti. Non una famiglia ricca, ma semplice e buona. Vedo le famiglie dei miei studenti a scuola, e vedo quello che possono fare i genitori ai loro figli con il loro esempio. Positivo e negativo. Ho sbagliato? L’ho spaventato? Non lo so. Continuano a tormentarmi i dubbi. Mai avrei pensato potesse finire così.

E mentre i dubbi si inanellano e lo stomaco e il cuore si stringono, mi chiedo se riuscirei a sopravvivere nel silenzio di una casa vuota, se soccomberei tormentata da i se avessi fatto/fossi stata o se invece ne trarrei nuova forza. Voi che dite?  Cerco o rimango?

Annunci

13 thoughts on “Una casa per me? O una casa per la mia solitudine?

  1. per quello che vale il mio consiglio cerca.
    cerca per te stessa, per riappropriarti della tua libertà e della tua identità. se in famiglia stai bene cercherai di modellare la tua futura famiglia su quelle impronte che ti hanno dato.
    anche io vengo da una bella famiglia di cui sono fiero.
    sono il mio modello e se mai troverò la persona giusta sarà così che vorrò creare la mia, di famiglia.

    tornando a te vai, apprezzerai il silenzio della casa, ma sarà il tuo silenzio, coi tuoi tempi e le tue esigenze senza limiti di spazio o tempo. a meno che non trovi una casetta da 27 metri quadrati da condividere con una gatta, allora lo spazio è veramente ridotto.
    io credo, comunque, che vivere da soli sia un’ottimo medicinale per ritrovare fiducia in se stessi, cavarsela con le proprie forze.
    cerca e stai serena. 😉

    Liked by 1 persona

  2. Cerca una casa per conto tuo e quando hai un po’ di malinconia vai dai tuoi, loro saranno felicissimi di coccolarti un po’ e tu cosi’ facendo non ti accorgerai nemmeno che abiti da sola! 😉 Grazie del tuo passaggio, felice di leggerti, tanti auguri, Laura.

    Mi piace

  3. Cara chi può capirti meglio di me … Lasciata con location, chiesa ecc già prenotati … Lui andò con un’altra ed io lasciai a pochi mesi dal Si….Sono momenti bui ma cerca un posto tuo, solo tuo.
    Dopo la separazione (la parola che usi e’ assolutamente esatta) io cambiai tutto o quasi della mia vita. È’ passato molto tempo da allora ma credimi ti capisco benissimo e tra qualche tempo non soffrirai più e sono certa dirai… Ringraziamo Dio che non mi ci sono sposata!

    Mi piace

      • Avevo 3 anno meno di te, dopo 7 insieme … Fu una botta non da poco. Mi segnai in palestra e imparai il giapponese ( che ora ho scordato quasi totalmente in realta) partii per 15 giorni per Tokyo al ritorno in aereoporto conobbi quello che ora e’ mio marito. Il mio consiglio, come una sorella maggiore e’ quello di partire quando stai in un altro luogo vedi e rivaluti tutto con piú lucidità

        Mi piace

  4. Cerca. Assolutamente. Cerca e vai. Dice bene gattosyl, devi stare bene con te stessa. La solitudine può essere una straordinaria compagna di vita. Potresti scoprire che, come dico spesso, la schizofrenia è una condizione di benessere a cui tendere. Nel senso “magari fossimo solo due”!!! Nella mia testa c’è un intero condominio… E mettere d’accordo il condominio, quotidianamente e in solitudine, è un esercizio fantastico. Quindi spiega le ali e vola via, ASAP. As Soon As Possible. 🙂

    Mi piace

  5. Non so dare consigli: in genere sbaglio con le mie valutazioni. Ognuno di noi deve fare le proprie scelte guardando dentro di sé.
    Nei momenti di grande solitudine dicono che viaggiare alleggerisca la mente. Anche un buon libro può fare compagnia. Parlo di una signorina che avuto problemi analoghi ai tuoi nel mio ultimo libro dal titolo Io e Agata. Leggerlo, essendo una storia (quasi) vera, potrebbe aiutarti a non fare i suoi stessi sbagli.
    Nicola

    Mi piace

  6. “Io volevo solo una famiglia in cui tutti si preoccupassero l’uno dell’altro, presenti e attenti. Ho sbagliato?” No, mille volte no. quello che tu cerchi dovrebbe essere l’ABC di una famiglia, di una coppia, di ogni relazione umana. Vuol dire che sei sana di mente!
    Io partirei, se ne senti la voglia. Buon segno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...