l’età giusta

sono sempre stata in ritardo. Ho vagliato per tutti gli anni del liceo candidati per la mia Prima Volta. Ero molto carina al liceo, una di quelle ragazze che ha sempre attorno tanti amici ed ero corteggiata. ma non ero mai convinta, infiniti discorsi alla dawson’s creek, l’educazione cattolica, le mie letture (jane austen) mi portavano ad avere aspettative altissime su Mr Right.

Alla fine mi sono arresa. E sono andata a letto con Michele, di cui mi sembrava di essere innamorata e che aveva un corpo statuario, era uno dei ragazzi più belli del liceo. Siamo andati a letto durante la settimana della mia maturità, che ricordo indissolubilmente legata all’Evento. Ero nettamente in ritardo rispetto alla media delle mie amiche che avevano perso  la verginità tra le scuole medie e la seconda liceo. Michele aveva spalancato gli occhi quando gliel’avevo detto. Negli anni prima mi chiedevo (soprattutto in quinta liceo) se fosse davvero un problema (come lo definivano le mie amiche esperte in arti amatorie, almeno a parole) la mia assenza di sperimentazione.

ora a distanza di 10 anni ho una nuova domanda sempre all’età. anche questa volta la questione età è arrivata volando attraverso pagine facebook piene di matrimoni, bambini e parole delle amiche e parole di sconosciuti. oggi sono andata a vedere una casa, con un misto di gioia e di groppo al cuore. la ragazza dell’agenzia mi racconta che ha una bimba a casa, di sei anni. quando le dico che è molto giovane per avere una bambina di sei lei mi risponde candida candida che no…che ha 29 anni… che la sua bambina l’ha avuta a 23 e che non l’ha assolutamente avuta da giovanissima, anzi all’età giusta.

e il cuore, il mio si stringe.

perchè ho paura che per me questa volta non ci sia un’età giusta.

(esiste un’età giusta,secondo voi? se sì per cosa?)
Annunci

9 thoughts on “l’età giusta

  1. No, non esistono e quoto il commento di gintoki, è quella che ti senti, e quella che ti senti dipende dalle esperienze di vita che hai avuto, dal tipo di vita che hai avuto, e non sempre te le puoi scegliere.

    Mi piace

  2. Cristo
    che
    palle.

    Non a te, in realtà, ma a chi ha ficcato in giro ‘sta storia del tempo.

    Quando mi cadeva da tutte le parti mi terrorizzava non stare facendo quello che “avrei dovuto” salvo poi – dopo anni – realizzare che a me di quella roba fregava zero.
    Potevano dirmelo prima che non era tutto obbligatorio ma ero troppo giovane per rendermene conto da sola.

    Il momento giusto è quando vuoi e puoi, fine del problema.
    Sgrunt.

    Liked by 2 people

  3. La giovane madre del tuo racconto è priva di tatto, ma non è colpa sua: fa semplicemente il suo lavoro di donna lavoratrice invasa dai mille accorgimenti cui la vita la costringe per andare avanti e non affondare con tutta la sua prole. Perciò a volte è distratta. E frettolosa nei giudizi.

    E tu sei forte e brava.

    Mi piace

      • uff…. tirati fuori dalla melma e vola con le tue ali di donna libera e bella. femminile. intrigante. erotica. piacevole e piacente. tu sei un gioiello.

        non fare che te ne scordi, donna.

        ti abbraccio (ps: conosco un sacco di uomini e non sono per niente gelosa)

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...