single a trent’anni a Firenze

Vi metto il link ad un articolo . “Firenze la capitale dei single”e copio qui alcuni punti:

A Firenze «ci si vede» o «ci si frequenta», «sei un’amica non di certo la fidanzata». Sì, la parola fidanzato/a sta addosso come un jeans troppo stretto, una camicia che veste male, tanto che è persino difficile dire «stiamo insieme». Funziona spesso così.

Ma la singletudine è un’arma a doppio taglio: il rischio per gli psicologi è che l’inseguimento ossessivo della felicità e del sogno del «principe azzurro sul cavallo bianco» ci facciano rinunciare per sempre a quell’attimo fuggente che rappresenta l’amore. E che così si lascino passare treni senza più ritorno, con tutte le conseguenze del caso. Anche in termini sociali. Una fissazione, quella della ricerca dell’altra metà del cielo, che in epoche precedenti sarebbe stata propria della fase adolescenziale e che oggi sembra attraversare tutta l’esistenza.

Che ne pensate?

Annunci

5 thoughts on “single a trent’anni a Firenze

  1. “fidanzat*” lo trovo un termine che non usa più nessuno. Nemmeno a me, che non sono allergico all’idea di una relazione ufficiale, entusiasma particolarmente.

    La singletudine dai 30 in poi è sicuramente una questione sociale importante, non vedo l’ora di parlarne nel mio neonato blog!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...